Studiospaceman

07 (7)

Andrea Salvatore / Francesca Caravello

Andrea Salvatore (Ariano Irpino-Av, 1985) si laurea nel 2012 allʼAccademia di architettura di Mendrisio sotto la guida di Francisco e Manuel Aires Mateus e trascorre un periodo di studio presso la Faculdade de Arquitectura da Universidade di Porto. Lavora un anno in Cile presso Elemental – Alejandro Aravena poi si trasferisce in Giappone dove lavora con Jun Igarashi e poi con SANAA. Da un anno collabora con Labics a Roma. Francesca Caravello (Bergamo, 1988) si laurea nel 2013 allʼAccademia di architettura di Mendrisio, trascorrendo un periodo di studio alla ETSAM di Madrid. Ha lavorato in Olanda da Wiel Arets e ora collabora con lo studio belga Architecten De Vylder Vinck Taillieu.

Espace trouvé: a place made by walking

L’ambizione di questo progetto è quella di trasformare il lanificio Sella in un pezzo di città, in cui ristabilire un’assonanza tra luogo e bisogno.
La complessità generata dalla sua stratificazione storica, dal funzionamento mutuale delle singole parti, dalla gerarchia dei suoi percorsi esistenti, rafforzano e dimostrano questa attitudine intrinseca.
Abitare, lavorare, stare, camminare, secondo questa logica, sono le parole chiave, le azioni e i bisogni in grado di attivare una nuova rete di scambi e plasmare questa nuova città-lanificio.
Si tratta dunque di una città che contiene al suo interno spazi nomadi, neutri, aperti e spazi sedentari, pieni, densi che si intersecano in un equilibrio di reciproche correlazioni. E allora giardini, piazze, passaggi, si alternano a portici, atelier, abitazioni, in un nuovo paesaggio urbano, una natura che può essere percorsa solamente abitandola. Uno spazio dell’andare.
Alla longitudinalità dominante di un sito appoggiato sulle rive del torrente Cervo, un complesso-isola introverso e concluso, il progetto oppone un susseguirsi di assi trasversali, di ponti, di vettori, di aperture che tagliano il lotto: percorsi come strumenti a disposizione dell’architettura e del paesaggio che intendono ricucire questo margine abbandonato.
L’atto di attraversare modifica intimamente il significato dello spazio, da luogo marginale a nodo di scambio, assecondando la sua essenza dinamica, permanentemente in divenire, un’azione che impone uno slittamento percettivo, un atto allo stesso tempo di lettura e di riscrittura dell’esistente.
Operare nel senso del recupero dunque, è una re-azione, opposta alla retorica del ripristino.
Essa si muove setacciando tra gli strati di significato che il tempo posa su un’architettura e procede in una doppia direzione: spoglia i luoghi fino alla nudità dei loro elementi e li ricompone, assemblandoli secondo nuove prospettive.

collaboratori
Giulio Bottini, Riccardo Guglielmi, Soichiro Ohmura

con il contributo di
Fabio Ceolin – Fabbro DʼArte e Scultore
Ernesto Pozzi Grandi Vivai

07-(1)

P9250262

07-(5)

 

01---planimetria

 

Schema-02_programma

Schema-03_percorsi

09---sezione

Making of

 

02

04

01

06

essay writing how can i write an essay english research paper good college essays cheapest essay writing service cheap term paper writing service college essay papers best dissertation academic writing help essay mla write my paper essays writing help research paper for sale cover letter writing service book review essay pay for term papers classification essays essays online dissertation help writing an academic essay
lab report abstract multiple choice questions and answers powerpoint presentation help book review essay buy essay uk cheap research papers pro essay writer academic report writing undergraduate dissertation proposal cheap coursework writing service essay writing help results section of lab report
writing a linkedin summary research essay good college application essay dissertation proposal methodology buying a research paper writing papers speech services academic term papers college essay online basic essay outline college scholarship essay writing a good thesis write my essay cheap
Copyright © 2019 — Premio di architettura Federico Maggia