Intervista a Atelier Remoto

Quanti anni avete?
Entrambe 28.

Quando vi siete laureati?
A giugno del 2015.

Rispetto alla vostra formazione, quanta distanza c’è tra il dire e il fare?
Nel nome del nostro progetto c’è forse la risposta: ogni lavoro è nato da lunghe chiacchiere, da letture condivise, da racconti e incontri. Molte idee sono rimaste pensieri, più o meno remoti, ancora da raggiungere e, per il momento, inafferrabili, mentre altre innescano un’azione, un movimento concreto di conoscenze e persone, insegnandoci così la complessità e la dedizione che “il fare” implica.

Lavorate in Italia o all’estero?
Tra l’Italia e la Svizzera.

Tre ragioni per cui vale la pena lavorare in Italia e tre ragioni per cui bisognerebbe gettare la spugna?
L’Italia rappresenta le nostre radici, la culla, luogo di riferimento e di partenza. Ora, dopo anni di esperienze all’estero, è anche il luogo a cui cerchiamo di tornare come architetti piene di dubbi e entusiasmi. Nel carattere ambiguo, problematico e fragile di questo paese vediamo enormi ostacoli ma anche grandi necessità e possibili, speriamo, sviluppi positivi.

Sogno nel cassetto?
Continuare a lavorare affinché Atelier Remoto possa crescere come un progetto creativo, dinamico e collettivo, in grado di coinvolgere un ampio gruppo di progettisti e maestranze.

Cosa vi ha ispirato del sito di progetto che avete scelto?
La scelta non è stata facile perché ognuno dei siti proposti racconta una storia interessante. La costruzione, il momento di massimo utilizzo, il conseguente abbandono (totale o parziale). Immaginare un futuro per questi spazi è una sfida importante per il nostro lavoro di progettiste. Dopo una lunga riflessione abbiamo deciso di concentrarci sui locali ex Pria: lo troviamo particolarmente interessante per la sua ubicazione, tra il torrente Cervo e la città, e la sua storia di tenace resistenza culturale perpetuata da Teatrando.

Un progetto che vi rappresenta?
Il progetto che abbiamo sviluppato per il concorso Mextropoli 2018, per un padiglione temporaneo a Città del Messico. Dopo il terremoto che ha colpito il Messico nel 2017, la nostra proposta ’Muro de muros’ reagisce alla catastrofe riflettendo sulla resilienza delle macerie.

essay writing how can i write an essay english research paper good college essays cheapest essay writing service cheap term paper writing service college essay papers best dissertation academic writing help essay mla write my paper essays writing help research paper for sale cover letter writing service book review essay pay for term papers classification essays essays online dissertation help writing an academic essay
lab report abstract multiple choice questions and answers powerpoint presentation help book review essay buy essay uk cheap research papers pro essay writer academic report writing undergraduate dissertation proposal cheap coursework writing service essay writing help results section of lab report
writing a linkedin summary research essay good college application essay dissertation proposal methodology buying a research paper writing papers speech services academic term papers college essay online basic essay outline college scholarship essay writing a good thesis write my essay cheap
Copyright © 2021 — Premio di architettura Federico Maggia